Un Sabato con Winsor McCay e qualche altro amico a Erlangen

Comic Salon Erlangen

Comic Salon Erlangen

Il fine settimana del 10 giugno scorso, sono stato praticamente portato di peso da alcuni carissimi amici, all “Internationaler Comic Salon” di Erlangen, una ridente cittadina vicino Norimberga, in Germania. In particolare Gio e Scott insistevano da un po’ di tempo e in un noioso pomeriggio domenicale, ricevo una telefonata in cui Gio mi diceva: “Devi assolutamente venire! Devi vedere la mostra di McCay! Ti vengo a prendere e ti riporto all’aeroporto a qualunque ora.! Non discutere!”. Mi ha preso al momento giusto… e ho prenotato i voli, per me e per Umbe, un altro compagno di originali avventure.

Arrivo in birreria

Arrivo in birreria

Siamo arrivati la sera del venerdì e, come promesso ci siamo incontrati all’aeroporto e via verso Erlangen dove abbiamo subito incontrato gli amici espositori in birreria, ma purtroppo era troppo tardi e siamo andati alla ricerca di un ristorante aperto, che non fosse italiano (si, quelli aperti fino a tardi erano tutti italiani!). Alla fine ci siamo arresi e siamo entrati in un posto dove su una lavagnetta all’esterno proponevano saltimbocca alla romana, ma dentro poi avevano i nurnberger bratwurst!

La mattina dopo: in mostra!. Il comic Salon di Erlangen è una mostra mercato interessante che si tiene ogni due anni. La parte mercato è principalmente dedicata ai fumetti (editori e librai), con delle notevoli eccezioni relative alle tavole originali (pochi stand, ma buoni:-) Ecco il banco (e la parete alle sue spalle:-) dell’amico Scott Eder:

Scott Eder

Scott Eder

Ancora Scott Eder

Ancora Scott Eder

Non ho foto, ma c’era anche un altro caro amico: Marc Mokken.

Oppure questo stand molto particolare dove ho scoperto che Bud Spencer e Terence Hill sono molto famosi da quelle parti.

Bud Spencer e Terence Hill

Bud Spencer e Terence Hill

Ma la cosa più bella di Erlangen è la sezione dedicata alle mostre. Quella che mi è piaciuta di più, ed in effetti è il motivo principale per il quale mi sono lasciato convincere ad andare, è quella dedicata a Winsor McCay. Si tratta di una mostra itinerante, in giro per l’europa, ideata e fortemente voluta da Alexander Braun, un artista tedesco appassionato di fumetti e innamorato di McCay che ha contattato i collezionisti che hanno prestato le opere, ha preso accordi con i musei e luoghi di esposizione, ha progettato gli allestimenti, ha trasportato, adattato e montato le mostre nei vari siti. Ha poi scritto un libro/catalogo (per ora solo in tedesco) cartonato e illustrato di 350 pagine. Insomma un lavoro di immensa passione.

Il "possente" e splendido catalogo

Il “possente” e splendido catalogo

Ecco il link all’articolo di Luca Boschi che annunciava la mostra. Gio, Marti e Leo che vengono menzionati nell’articolo sono proprio alcuni degli amici che hanno insistito per farmi andare! Sono collezionisti e appassionati d’arte, oltre che di tavole originali, e anche loro, innamorati di McCay. Alla mostra hanno prestato diverse opere.

Dream of the Rarebit Fiend 1

Ed ecco Alexander Braun in azione mentre conduce i partecipanti interessati ad una intensa visita guidata e quando, con tocco di consumato mestiere, indossa dei guanti bianchi, afferra una una tavola di Dream of the Rarebit Fiend appesa al muro e con un gesto da prestigiatore ne mostra il retro su cui è disegnato (e incorniciato in trasparenza) un editorial cartoon.
Alexander BraunDream of the Rarebit Fiend
Alexander Braun

Dream of the Rarebit Fiend

Ed infine eccoci tutti (Gio, Marti, Umbe e io) davanti ad una speciale tavola di Little Nemo:
Gio Marti Umbe MaxMagnus
Gio e Marti sul loro blog (In mezzo alle cose al centro di nulla) hanno postato questa:

Gio & Marti all'ingresso della mostra

Per l’occasione ci hanno fatto diversi regali. Per prima cosa, con uno stratagemma ci hanno sottratto la chiave della stanza e ci hanno fatto trovare (a me e a Umbe) una copia per ciascuno del volume/catalogo della mostra sui letti! Eppoi hanno realizzato una t-shirt con davanti un panel di una loro tavola di McCay, e dietro le date del tour della mostra:

Carsten Laqua con la T-Shirt di McCay

Carsten Laqua con la T-Shirt di McCay

Scott Eder con la T-Shirt di McCay

Scott Eder con la T-Shirt di McCay

Winsor McCay European Tour

Winsor McCay European Tour

E la sera, finalmente, la birreria buona era ancora aperta e ci ho dato dentro…

In birreria, finalmente!

In birreria, finalmente!

Io non ci volevo venire:-) ma, come al solito, devo ringraziare i miei cari compagni di originali avventure per avermi forzato la mano.