C’era una volta a Londra: Watchmen

Watching the Watchmen“Giovanni Tarquini?”
“Yes?”
Fu così che conobbi il mio amico Gianni, nel seminterrato del negozio di fumetti Comic Showcase, in Neal Street, a Londra, nel ’91. Da poco avevo ripreso a collezionare fumetti e mi ero avvicinato a quelli USA in lingua originale. Allora le fumetterie, anche a Roma, dove mi ero trasferito da poco, avevano ben pochi arretrati, e allora, approfittando di un viaggio di lavoro a Londra, chiesi a Luciano Bassi, che allora gestiva Metropolis, se conosceva qualche posto dove andare a cercare fumetti. Lui mi disse che c’era questo ragazzo italiano che si era trasferito a Londra e lavorava a Comic Showcase.
Ci andai, ma non ero ancora appassionato di tavole originali, quindi non notai nemmeno tutte “quelle figurine” che c’erano in quello storico negozio :-(
In ogni caso, feci amicizia con Gianni che per qualche anno mi mandò i fumetti direttamente dall’Inghilterra. Che periodo “romantico” per la collezione.
Copertine WatchmenGianni ogni tanto ritornava a Roma e in uno di questi viaggi, durante una Expocartoon si trovava di passaggio, prima di andare in USA, perché aveva un “carico” molto speciale da trasportare. Io avevo ormai cominciato a collezionare tavole e lui lo sapeva. Mi chiamò in disparte e con fare cospiratorio mi disse: ” Vieni un po’ a vedere cosa ho qui: penso ti possa interessare…”.
Incredibile!
Si trattava di tutte e 12 le copertine di Watchmen che il suo capo a Comic Showcase, Paul Hudson, aveva comprato direttamente da Dave Gibbons (insieme a tutte le tavole originali degli interni) più o meno a 20 sterline al pezzo…
Erano dirette a Scott Dunbier per farle consegnare in asta da Sotheby’s (3rd comic art auction nel 1993)! Che spettacolo!
Copertina Sotheby's
Le copertine artisticamente una ad una forse non sono dei capolavori, ma nel complesso formano una notevole composizione. E naturalmente rappresentano un evento storico per il fumetto di tutti i tempi. La copertina del numero 11, secondo le parole di Dave Gibbons sul libro Watching the Watchmen, è un rifacimento, in quanto non gli è stata restituita. Visto il soggetto è opinione comune che sia stata gettata in quando sembrava uno scarto… Gibbons l’ha rifatta da una copia delle matite che aveva conservato.
Gareb Shamus

Gareb Shamus

 

Raccattando informazioni in giro, le copertine sembra che non abbiano raggiunto il prezzo di riserva o che comunque abbiano raggiunto una quotazione inferiore a quella prevista. Sul catalogo si legge una stima di $20.000-25.000, mentre sembra siano state acquisite in blocco per $17.000 circa (si era nel 1993) dal famoso collezionista Gareb Shamus che è stato il capo di Wizard World fino al 2011. E dovrebbero essere tutte ancora in mano sua.

Mostra Watchmen al MoCCA

 

Il 6 marzo 2009, in occasione del lancio del film Watchmen, il MoCCA (Museum of Comic and Cartoon Art) di New York, le ha tenute in mostra per un paio di mesi. Quindi almeno fino ad allora erano tutte insieme!

Effettivamente l’idea di separarle non sembra molto buona. Alcune sono molto “vuote”. niente a che vedere con le pagine interne veramente dense sia graficamente che di testo. Tutte insieme rappresentano invece un unicum artistico, una specie di riassunto della storia.
La “solita” Heritage sta vendendo tavole dalla Shamus Collection of Modern Masterworks, una collezione messa insieme da Martin Shamus, padre di Gareb. A questa collezione appartenevano, tra l’altro, le due copertina di McFarlane vendute per un totale di 1 milione di dollari: che famiglia 😉
Se è vero che le 12 copertine sono ancora tutte possedute da Shamus figlio, allora magari chissá? Teniamo d’occhio Heritage…
Vedendo le quotazioni delle tavole originali interne, a quanto potrebbero andare oggi, se fossero messe all’asta? 100-200-300mila dollari? Di più?
E separate, anche se “brutte” (tutto è relativo), potrebbero “rendere” di più?
Che ne pensate?
Nel frattempo Gianni è tornato a Roma dove ha aperto, insieme ad altri, la splendida fumetteria Forbidden Planet  😉