Gertie compie 101 anni

640px-Gertie_the_Dinosaur_poster

di Federico Fiecconi

Un secolo fa, nel febbraio del 1914, esordiva sullo schermo di una sala di Chicago il numero di vaudeville Gertie il dinosauro: uno spettacolo di varietà in cui Winsor McCay, famoso illustratore e vignettista dell’epoca, si esibiva in numeri di disegno istantaneo. Per quello speciale show McCay aveva lavorato mesi e mesi, producendo oltre 10mila disegni inchiostrati su carta riso e montati su cartoncini per permetterne la ripresa a passo uno. Non esistendo ancora la tecnica delle cels trasparenti da fotografare sovrapposte ai fondali, McCay dovette disegnare in ogni fotogramma anche il fondale, disegnato conseguentemente con linee essenziali e senza sfumature, che avrebbero reso impossibile il lavoro per un autore solitario.

Ad assistere McCay proprio nell’improbo lavoro di tracciare i fondali soltanto un giovane vicino di casa, John A. Fitzsimmons, che avanti negli anni incontrerà lo storico del cinema di animazione John Canemaker per raccontare di prima mano la sua straordinaria avventura.

Grazie al biografo italoamericano si tramanda così fino ai giorni nostri la cronaca di come nacque quello che unanimemente è considerato l’atto di nascita ufficiale di un “eroe di cartone” vivo e pensante sullo schermo. Gertie (dinosauro femmina) è infatti a buon diritto ritenuta la prima star disegnata mai apparsa sullo schermo cinematografico: il primo vero personaggio fatto di grafite ma capace di respirare, recitare e comuicare emozioni, creando quell’illusione della vita alla base di tanti capolavori Disney che vedranno la luce dal decennio successivo.

Sul palco McCay interagiva con la creatura animata, fino all’epilogo in cui entrava in scena comparendo sullo schermo al fianco di Gertie, diventando parte dell’animazione disegnata: uno show che lo stesso Canemaker replicò nel 2008 sul palcoscenico del Festival di Annecy, e che il sottoscritto ripropose modestamente quella stessa estate nei giardini del Grand Hotel di Rimini, accompagnato dalla musica originale eseguita live al pianoforte.

Con il giro di calendario il primo centenario degli “eroi di cartone” va negli archivi senza che curiosamente nessuna istituzione abbia dedicato a questo anniversario un degno omaggio e una mostra antologica di 100 anni di arte disegnata per lo schermo, magari riesumando uno di quei rari cartoncini su cui era tracciata a china la deliziosa silouhette di Gertie, che ogni tanto riaffiorano dalle sabbie del tempo per entrare nelle collezioni di fortunati appassionati dell’arte dell’animazione. Ci prepariamo a colmare alla lacuna, è una promessa.

P.S. E siccome siamo in un sito di tavole originali, non possiamo farcene mancare una in questo post, no?

missgertie(courtesy by giovemarti)