Un regalo veramente originale

Retirement_smallEcco un piccolo evento che mi ha colpito e quindi ho deciso di condividerlo con voi.

Sulla lista di discussione comicart-l che tutti quelli di voi che masticano un po’ d’inglese sicuramente conoscono, un collezionista australiano di nome Royd Burg ha raccontato, commosso, del regalo veramente originale che gli hanno fatto i colleghi di lavoro per il suo pensionamento.

Continua a leggere

Le tavole originali stanno morendo!

The Killing JokeSiamo nell’era digitale: le tavole originali stanno morendo!

Nell’ultimo post, parlando dell’Onda Gialla di Frezzato, ci siamo posti la domanda su che cosa sia un originale: oggi proviamo a… complicare le cose :-) e concentriamoci sulle nostre beneamate tavole originali.

Non possiedo la tavola originale di Brian Bolland qui a fianco (purtroppo), ma parleremo di lui più avanti e mi serviva un’immagine attraente :-). Se avete già seguito il link sapete che sarà in asta alla prossima tornata “stellare” di Heritage. Ma di questo avremo tempo di parlare in seguito 😉 Continua a leggere

C’era una volta a Londra: Watchmen

Watching the Watchmen“Giovanni Tarquini?”
“Yes?”
Fu così che conobbi il mio amico Gianni, nel seminterrato del negozio di fumetti Comic Showcase, in Neal Street, a Londra, nel ’91. Da poco avevo ripreso a collezionare fumetti e mi ero avvicinato a quelli USA in lingua originale. Allora le fumetterie, anche a Roma, dove mi ero trasferito da poco, avevano ben pochi arretrati, e allora, approfittando di un viaggio di lavoro a Londra, chiesi a Luciano Bassi, che allora gestiva Metropolis, se conosceva qualche posto dove andare a cercare fumetti. Lui mi disse che c’era questo ragazzo italiano che si era trasferito a Londra e lavorava a Comic Showcase.