La Nona Arte all’asta da Sotheby’s

Sothebys-201503_CoverEccomi dopo una lunga pausa: tante cose da fare e così poco tempo :-)
Vorrei condividere con voi qualche impressione legata alla recentissima asta di tavole originali che Sotheby’s ha tenuto a Parigi lo scorso sabato 7 marzo. E mi piacerebbe veramente sapere cosa ne pensate.
Poiché da qualche tempo sto dedicando più attenzione a questo mondo ;-) , mi sono ritrovato ad analizzare un po’ più in profondità com’è andata e allora perché non farci un post per il nostro blog preferito?

Continua a leggere

Gertie compie 101 anni

640px-Gertie_the_Dinosaur_poster

di Federico Fiecconi

Un secolo fa, nel febbraio del 1914, esordiva sullo schermo di una sala di Chicago il numero di vaudeville Gertie il dinosauro: uno spettacolo di varietà in cui Winsor McCay, famoso illustratore e vignettista dell’epoca, si esibiva in numeri di disegno istantaneo. Per quello speciale show McCay aveva lavorato mesi e mesi, producendo oltre 10mila disegni inchiostrati su carta riso e montati su cartoncini per permetterne la ripresa a passo uno. Non esistendo ancora la tecnica delle cels trasparenti da fotografare sovrapposte ai fondali, McCay dovette disegnare in ogni fotogramma anche il fondale, disegnato conseguentemente con linee essenziali e senza sfumature, che avrebbero reso impossibile il lavoro per un autore solitario.

Continua a leggere

Dylan Dog, Dampyr e altri miti, l’incubo si mostra !

cover

 

“DYLAN DOG, DAMPYR e ALTRI MITI, L’INCUBO SI MOSTRA !”; è questo il titolo della bellissima esposizione di oltre 300 tavole originali organizzata dai bravissimi ragazzi del Festival del fumetto di Piacenza 2014 nei giorni del 6, 7 e 8 dicembre scorsi.

di Marco Cortellazzi

 

Continua a leggere

Un prezioso Rubino

copertina_Quasi ottant’anni fa Rubino, animo sensibile e grande cuore, volle arricchire di luce e colori il luogo deputato alla refezione e ricreazione dei bambini ricoverati nella Villa Gonzaga di Olgiate Olona.

Questo è un post sul recupero conservativo dei meravigliosi dipinti realizzati nel 1938 da Antonio Rubino nel primo preventorio antitubercolare infantile d’Italia, l’Opai (dal 1918 al 1974 è stato presente nell’ex residenza nobiliare dei principi Gonzaga).

di bio

Continua a leggere

Metti un giorno a Lugano…

cover

di Bio

Lugano, venerdì 10 Ottobre
Il maestro Liberatore, con un cerotto sul naso, si aggira al palazzo congressi, e io lo seguo a qualche metro di distanza.
Si infila nello stand, non ci sono fuori ancora neanche i suoi volumi. Si siede, tira fuori pennarelli, matite, e mi chiede (LUI CHIEDE A ME) se voglio un disegno!
Sfodero la mia copia Primo Carnera editore – Frigidaire Grandi Albi, lui sorride.
Il volume è consumato.
Dice che è un casino perché non c’è spazio per il disegno, poi trova la pagina bianca.
Con calma, non c’è nessuno in giro.
È amabile.

Continua a leggere

L’Eternauta si ferma a Milano

Un appuntamento imperdibile con l’arte e la storia del fumetto!

di giovemarti

Continua a leggere

La leggenda di Tex

In mostra più di 200 copertine originali di Galep mai viste prima!

di giovemarti

Continua a leggere

Figli di un’arte minore?

coverÈ con grande piacere che originalmente.it ospita un intervento di Paolo Rinaldi, socio fondatore e presidente dell’associazione La Nona Arte.

A seguito di una serie di interventi sul gruppo Facebook dedicato ai collezionisti di tavole originali, in cui si è finiti, come spesso capita, a parlare dell’evoluzione del nostro hobby preferito verso qualcosa di nuovo,  Paolo ha raccolto la mia richiesta di articolare meglio il suo pensiero qui, ed ecco il risultato. Sperando di generare una discussione feconda, qui e sul gruppo, in modo da raccogliere l’esperienza di tutti quelli che hanno voglia di dire la propria, il risultato potrà essere editato (eliminando i nomi degli autori degli interventi, a meno che non esplicitamente indicato di no) e pubblicato come un tutt’uno sulla rivista dell’associazione. Come in tutte queste cose, insomma, un punto di partenza, piuttosto che un punto d’arrivo a cui probabilmente non si arriverà mai.

Ma questo è proprio il bello della nostra passione ;-)

maxmagnus

Continua a leggere

Going West! Solo capolavori in mostra a Basilea.

locandina going westAlexander Braun ha colpito ancora!

Il curatore della splendida mostra itinerante dedicata a Winsor McCay del 2012/2013 è tornato con Going West, una mostra di tavole sull’epica western che si è inaugurata a luglio al Cartoonmuseum di Basilea e che lì sarà visitabile fino al 2 novembre.

Il sottotitolo della mostra è Comics Looking to the  West, lo sguardo dei fumetti sulle storie di indiani e cowboy, sceriffi e banditi, cavalli e bisonti: la rappresentazione, a volte comica, a volte drammatica, sempre avventurosa, della conquista della frontiera ovest americana.

di giovemarti

Continua a leggere

Una tavola perfetta

coverOgni tavola originale è bellissima, se considerata nel suo assoluto.

E nel superlativo “bellissima” c’è tutta la componente soggettiva che caratterizza la passione che anima il collezionista di tavole originali.

Infatti, in ciascuna scelta, in ogni innamoramento, ognuno trasferisce il suo irresistibile trasporto, quell’irrefrenabile e incontenibile moto istintivo che ha determinato quell’acquisto; oppure, laddove l’acquisto non era stato possibile, resta quel pezzetto di cuore lasciato su quel foglio di cartoncino, magari con la remota speranza un giorno di poterlo recuperare, sperando in un’improvvisa vincita a una lotteria della quale non avrà comprato il biglietto.

di Stefano Bidetti

Continua a leggere

U.D.W.F.G. (Under Dark Weird Fantasy Ground)

1_UDWFG_Cover

U.D.W.F.G. (Under Dark Weird Fantasy Ground), semestrale, n. 1, marzo 2014, Hollow Press, 96 pagine bn formato A4 (in inglese), 700 esemplari numerati, 18,00 euro

Una antologia? Una rivista underground? Un lussuoso contenitore di virtuosismi grafici?

È difficile catalogare questa rivista, frutto della passione del giovane Michele Nitri per la cultura alternativa, il gotico, il fantasy. Fatto sta che, nel vuoto di proposte e di idee (oltre che di spazi riservati ai giovani autori) che in Italia caratterizza ormai da troppo tempo il panorama fumettistico, Michele è riuscito a mettere insieme una squadra di tutto rispetto, la Hollow Crew: l’americano Mat Brinkman (Multiforce), lo spagnolo Miguel Angel Martin (Brian the Brain), il giapponese Tetsunori Tawaraya (Can you see the rainbow from there?), l’italiano Francesco D’Erminio aka Ratigher (Trama) e un altro giovane italiano, Paolo Massagli (OZ).

di Marco De Giuli

Continua a leggere

Piovono Artist’s Editions

ae-headerForse i tempi sono più maturi di come pensavamo. Le tavole originali stanno entrando nel mainstream del collezionismo e non solo di quello fumettistico. Se questo mese dal Previews (il catalogone mensile della Diamond Comics) si possono ordinare ben 4 Artist’s Editions nuove e almeno un paio di “vecchie” in re-order, beh, direi che ci siamo.

Continua a leggere

Nasce “La Nona pArte”

mostrareggioQuando alla fine di maggio sono andato alla mostra di Reggio Emilia, mentre cominciavo a girare per i banchi mi sono chiesto: “ma che ci sono venuto a fare io qua?”. Non avevo soldi da spendere (ho persino dovuto “passare” su un paio di occasioni veramente ghiotte che mi si sono presentate…), in fondo l’edizione di maggio è quella in “tono minore”, insomma boh!

Poi naturalmente mi sono ricordato! ;-) Continua a leggere

Ci sono cose che non si possono comprare…

manaraQuesto è un post che mi attirerà le ire di molti collezionisti, lo so. Ma voglio scriverlo lo stesso perché penso che sia una di quelle riflessioni che vanno al di là dell’immediato quotidiano e, nel tempo, sono sicuro che sarà utile averla fissata. Anche se non si è d’accordo. Anche se si cambierà idea. Anche se io dovessi cambiare idea.
Tutto nasce dal post su gruppo Facebook del collezionista che all’asta di beneficenza di Etna Comics si è vantato di aver acquisito un bel disegno di Manara, probabilmente ad un prezzo stracciato. Da lì sono partiti gli strali degli altri collezionisti verso gli organizzatori della mostra, che non hanno consentito a tutto il mondo di partecipare, tramite un collegamento online. Le accuse sono varie, ma tutte convergono sul fatto che non è stato ottenuto il massimo risultato in termini economici. Sicuramente vero. Ma si dà per scontato che questo sia un fatto “automaticamente” negativo.
Mi permetto di dissentire.

Continua a leggere