Going West! Solo capolavori in mostra a Basilea.

locandina going westAlexander Braun ha colpito ancora!

Il curatore della splendida mostra itinerante dedicata a Winsor McCay del 2012/2013 è tornato con Going West, una mostra di tavole sull’epica western che si è inaugurata a luglio al Cartoonmuseum di Basilea e che lì sarà visitabile fino al 2 novembre.

Il sottotitolo della mostra è Comics Looking to the  West, lo sguardo dei fumetti sulle storie di indiani e cowboy, sceriffi e banditi, cavalli e bisonti: la rappresentazione, a volte comica, a volte drammatica, sempre avventurosa, della conquista della frontiera ovest americana.

di giovemarti

Continua a leggere

Una tavola perfetta

coverOgni tavola originale è bellissima, se considerata nel suo assoluto.

E nel superlativo “bellissima” c’è tutta la componente soggettiva che caratterizza la passione che anima il collezionista di tavole originali.

Infatti, in ciascuna scelta, in ogni innamoramento, ognuno trasferisce il suo irresistibile trasporto, quell’irrefrenabile e incontenibile moto istintivo che ha determinato quell’acquisto; oppure, laddove l’acquisto non era stato possibile, resta quel pezzetto di cuore lasciato su quel foglio di cartoncino, magari con la remota speranza un giorno di poterlo recuperare, sperando in un’improvvisa vincita a una lotteria della quale non avrà comprato il biglietto.

di Stefano Bidetti

Continua a leggere

U.D.W.F.G. (Under Dark Weird Fantasy Ground)

1_UDWFG_Cover

U.D.W.F.G. (Under Dark Weird Fantasy Ground), semestrale, n. 1, marzo 2014, Hollow Press, 96 pagine bn formato A4 (in inglese), 700 esemplari numerati, 18,00 euro

Una antologia? Una rivista underground? Un lussuoso contenitore di virtuosismi grafici?

È difficile catalogare questa rivista, frutto della passione del giovane Michele Nitri per la cultura alternativa, il gotico, il fantasy. Fatto sta che, nel vuoto di proposte e di idee (oltre che di spazi riservati ai giovani autori) che in Italia caratterizza ormai da troppo tempo il panorama fumettistico, Michele è riuscito a mettere insieme una squadra di tutto rispetto, la Hollow Crew: l’americano Mat Brinkman (Multiforce), lo spagnolo Miguel Angel Martin (Brian the Brain), il giapponese Tetsunori Tawaraya (Can you see the rainbow from there?), l’italiano Francesco D’Erminio aka Ratigher (Trama) e un altro giovane italiano, Paolo Massagli (OZ).

di Marco De Giuli

Continua a leggere