In Viaggio con Barks – Prima Parte

Carl BarksA me gli oli di Barks non è che piacciano proprio tanto tanto…

MA

Vorrei condividere con voi la storia di un bel viaggio che in alcuni momenti mi ha tolto il respiro.

Per entrare nello spirito della cosa vi devo dapprima però raccontare chi è Kerby Confer.
Kerby Confer è un signore che è partito facendo il disc jockey negli Stati Uniti degli anni ’50 e poi è diventato uno che compra stazioni radio in cattive condizioni, le rimette a posto e poi le rivende facendoci su un bel guadagno. Non male, no? Per quello che ci riguarda, però, c’è da dire che è (o è stato) un grande appassionato di Carl Barks, anzi soprattutto degli oli di Carl Barks. Ecco come racconta lui stesso la sua storia collezionistica (qui l’originale).

Penso che tutto nasca dall’infanzia. Forse è qualcosa che non sembra così forte al momento, ma quando ci si guarda indietro da più vecchi si capisce che eventi drammatici accadono quando si è piccoli.

Con genitori divorziati, all’età di 8 anni la paghetta era di soli 25 cent alla settimana, che permettevano ben pochi divertimenti. E tra questi, due albi a fumetti. È in questa situazione che aprii il mio primo fumetto di Zio Paperone. Era il 1949.

Il primo panel diceva qualcosa che suonava come: “Se voi aveste un umpteencentrafugillion (fantastiliardo? ndt) di dollari, cosa ci fareste? Questo è quello che ci fà il papero più ricco del mondo!”. E c’era Zio Paperone che si tuffava da un trampolino nel suo deposito di monete d’oro. Il ricordo è molto vivo. Era la prima volta che ridevo ad alta voce leggendo un fumetto. Avevo letto altri albi semi-comici, Topolino e simili, che erano un po’ divertenti, ma non avevo mai letto storie in un fumetto che mi avevano fatto sbellicare dalle risate. Io ero un ragazzino di una casa povera, senza padre, le cose erano
difficili, e avevo due sorelle più piccole, ma QUESTA era la più grande evasione del mondo.

Non ho mai conservato i fumetti, li ho scambiati continuamente per leggerne di più. Diventai un fan di Barks, anche se all’epoca non sapevo chi fosse. Paperone e Paperino sono stati il mio rilassamento e terapia dall’età di 8 a 13 anni.

Saltiamo di molti anni in cui Confer realizza la sua scalata nel mondo delle radio e si affranca decisamente dalla sua condizione diventando ricco.

Nel 1982/83 mi arrivò a casa un catalogo della Sharper’s Image dove vidi una figura di Zio Paperone che aggiunge un’estensione alla scala dei 90 piedi di profondità del suo deposito. La figura era chiamata ‘An Embarrassment of Riches’ (L’imbarazzo della scelta), e si poteva comprare a $500! E sto stressando la parola “figura” perché in quel
momento io non sapevo cosa stavo guardando. Cominciai a ridere di nuovo come quando avevo 8 anni. Ha pizzicato una corda dentro di me, che non so spiegare. Improvvisamente avevo 8 anni di nuovo e mi rotolavo dalle risate.

Nonostante pensasse che fosse la cosa più ridicola che avesse mai fatto, Confer decise di chiamare ed ordinare quel pezzo e fu sorpreso che fosse stato già venduto, ma era ancora incuriosito. Qualche anno dopo i suoi interessi si sarebbero “espansi” :-)

Ero in volo su un aereo, quando lessi un articolo sul collezionismo di cel di animazione e siccome da ragazzo amavo quei film, decisi di cominciare la mia collezione.

Poco tempo dopo era a New York ad un’asta di cels.

Persi una delle cel più costose dell’asta, ma alla fine mi avvicinarono Russ Cochran e Bruce Hamilton chiedendomi se fossi interessato a qualcos’altro. Risposi che l’unica altra cosa che mi interessava era un’immagine della Disney di Zio Paperone nel suo deposito.
Gli occhi di Hamilton si illuminarono come un albero di Natale e mi disse: “Ma allora sei un fan di Carl Barks!”. E io: “Chi è Carl Barks?”. “È l’artista che ha fatto il quadro!”, rispose Bruce. E come Pinocchio seguì Lucignolo, io fui nel Paese dei Balocchi.

Hamilton mi informò che l’immagine che avevo visto nel catalogo della Sharper’s Image era una litografia dell’originale che aveva lui…

E da lì è cominciato tutto!

Kerby Confer è arrivato a possedere oltre 40 oli di Barks e li ha tenuti per tanto tempo, poi a partire dal 2010 ha deciso di venderli (tutti o forse ne ha tenuto qualcuno per sé).

Ed ecco, ora che vi ho raccontato di Confer, vi posso raccontare del viaggio… Ma vi chiedo di pazientare fino al prossimo post. Nel frattempo ho raggruppato per mia e, spero anche vostra, convenienza, l’elenco dei quadri venduti da Confer su Heritage in diverse tornate d’asta. Il titolo è un link che punta alla pagina dell’asta, mentre l’immagine punta a quelle in risoluzione elevatissima, sempre di Heritage. Gli oli sono in ordine decrescente di prezzo finale. Buona visione.

The Sport of Tycoons (1974) – $262.900Carl Barks

Vacation Panel (1972) – $179,250Carl Barks

Business as Usual (1976) – $179,250Carl Barks

An Embarrassment of Riches (1983) – $161,325Carl Barks

A Binful of Fun (1974) – $143,400Carl Barks

Spoiling the Concert (1973) – $131,450Carl Barks

Trespassers Will Be Ventilated (1988) – $131,450Carl Barks

Christmas Composition (1972) – $119,500Carl Barks

This Dollar Saved My Life At Whitehorse (1973) – $119,500Carl Barks

Red Sails in the Sunset Donald Duck (1974) – $113,525Carl Barks

Dam Disaster at Money Lake (1986) – $107,550Carl Barks

Donald Duck Sheriff of Bullet Valley (1973) – $107,550Carl Barks

Only a Poor Old Duck (1974) – $107,550Carl Barks

Voodoo Hoodooed (1974) – $101,575Carl Barks

McDuck of Duckburg (1974) – $101,575Carl Barks

Golden Cities of Cibola (1975) – $101,575Carl Barks

Nobody’s Spending Fool (1974) – $101,575Carl Barks

Dangerous Discovery (1974) – $89,625Carl Barks

Luck of the North (1973) – $89,625Carl Barks

Time Wasters (1975) – $83,650Carl Barks

Blizzard Tonight (1973) – $83,650Carl Barks

Halloween in Duckburg (1973) – $83,650Carl Barks

Holiday in Duckburg (1989) – $77,675Carl Barks

Time Out For Therapy (1973) – $77,675Carl Barks

July Fourth in Duckburg (1976) – $65,725Carl Barks

I Found It! I Keep It! Uncle Scrooge (1975) – $65,725Carl Barks

Happy Hour Scrooge McDuck (c. 1996) – $65,725Carl Barks

Golden Fleece (1972) – $62,737Carl Barks

Eureka a Goose Egg Nugget (1996) – $54,970Carl Barks

The Money Collector (1982) – $53,775Carl Barks

Rude Awakening (1974) – $53,775Carl Barks

Far Out Safari (1975) – $50,787Carl Barks

Banker’s Salad (1975) – $41,825Carl Barks

Always Another Rainbow (1974) – $38,837Carl Barks

Makings of a Fish Story (No One Will Ever Believe This) (1988) – $38,837Carl Barks

The Expert (1975) – $38,837Carl Barks

Flubbity Dubbity Duffer (1972) – $35,850Carl Barks

Dude For a Day (1975) – $35,850Carl Barks

Rumble Seat Roadster (1975) – $33,460Carl Barks

Pirate Gold (1976) – $33,460Carl Barks

Uncle Scrooge with Money Bag (c. 1971) – $20,315Carl Barks

Hi, I’m Donald Duck (1975) – $14,340Carl Barks